Portale Trasparenza Cittā di Rapallo - Richiesta di residenza e cambio di abitazione all'interno del Comune

Il portale della Trasparenza conforme al D.Lgs. 33/2013 - "Amministrazione Trasparente"

Tipologie di procedimento

Richiesta di residenza e cambio di abitazione all'interno del Comune

Responsabile di provvedimento: Monzù Ettore (ad interim Rip.4)
Responsabile sostitutivo: Ettore Monzu

Uffici responsabili

Anagrafe

Descrizione


 RESIDENZA IN TEMPO REALE
Con la circolare n. 9/2012 del 27.04.2012 il Ministero dell’interno ha fornito importanti chiarimenti sulle novità in materia d’ iscrizioni anagrafiche e cambi di residenza introdotte dal Decreto legge n. 5/2012 convertito dalla Legge n. 35/2012 (cosidetto Decreto su semplificazione e sviluppo).

Inoltre, a seguito dell'entrata in vigore del D.L. 47 del 28 marzo 2014, convertito nella legge 23 maggio 2014 n. 80 è obbligatorio produrre,  a pena di nullità della richiesta, il titolo di occupazione dell'alloggio (es. rogito, contratto di locazione, etc.) o, in sostituzione, compilare la dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà (modello 1 - locatario/proprietario: http://trasparenza.comune.rapallo.ge.it/archivio5_modulistica_0_11569_26_1.html )

Art. 5 della Legge 23 maggio 2014, n°80: "Chiunque occupa abusivamente un immobile senza titolo, non può chiedere la residenza, né l'allacciamento a pubblici servizi in relazione all'immobile medesimo e gli atti emessi in violazione di tale divieto sono nulli a tutti gli effetti di legge"

Duplice l’obiettivo, quello di consentire l’effettuazione del cambio di residenza con modalita’ telematica e di produrre immediatamente, al momento della dichiarazione, gli effetti giuridici del cambio di residenza in modo da evitare i gravi disagi e gli inconvenienti determinati dalla lunghezza degli attuali tempi di attesa.

Con la richiesta di residenza, deve essere dichiarata l'eventuale titolarità di patente di guida e/o il possesso di veicoli per consentire alla Motorizzazione civile l'aggiornamento dei dati anagrafici su patenti e carte di circolazione.

Il Comune comunica la variazione della residenza alla Motorizzazione che aggiorna la residenza dell'interessato negli appositi archivi informatici.

Dal 2 febbraio 2013, per quanto riguarda i veicoli, non viene più inviato il tagliando da applicare sulla patente con la nuova residenza, rimane invece l'invio del tagliando con la nuova residenza  da applicare sulla carta di circolazione. Per avere informazioni sullo stato della pratica si può contattare il numero verde 800 232323.

Di conseguenza dal 9 MAGGIO 2012 i cittadini potranno presentare le dichiarazioni anagrafiche (di residenza e di cambio di abitazione) attraverso:
· sportello comunale (Ufficio Anagrafe)
· per raccomandata
· per fax
· per via telematica.

Quest’ ultima possibilità è consentita ad una delle seguenti condizioni:
1. che la dichiarazione sia sottoscritta con firma digitale;
2. che l’autore sia identificato dal sistema informatico con l’uso della Carta d’identità elettronica, della carta nazionale dei servizi, o comunque con strumenti che consentano l’individuazione del soggetto che effettua la dichiarazione;
3. che la dichiarazione sia trasmessa attraverso la casella di posta elettronica certificata del dichiarante;
4. che la copia della dichiarazione recante la firma autografa e la copia del documento d’identità del dichiarante siano acquisite mediante scanner e trasmesse tramite posta elettronica semplice.

L’Ufficio Anagrafe provvederà all’iscrizione entro 2 giorni dalla presentazione della richiesta, nonchè ad accertare la sussistenza dei requisiti previsti per l’iscrizione stessa entro 45 giorni dalla dichiarazione resa o inviata. Trascorsi i 45 giorni senza che sia stata effettuata la comunicazione dei requisiti mancanti, l’iscrizione si intende confermata.
Si applica anche alle residenze l’istituto del silenzio-assenso di cui all’articolo 20 della Legge 241/90.

Nel caso di cittadini stranieri la verifica della regolarità del soggiorno precede l’iscrizione anagrafica.

Tale normativa prevede anche che per quanto riguarda gli accertamenti delle dichiarazioni e le conseguenze degli esiti negativi sono previste sanzioni civili e penali per le dichiarazioni mendaci.

In particolare nel caso di dichiarazioni non corrispondenti al vero si applicano gli articoli 75 e 76 del DPR n. 445/2000, nel seguito riportati, i quali dispongono rispettivamente:
· la decadenza dai benefici per effetto della dichiarazione
· il rilievo penale della dichiarazione mendace
· segnalazione all’ autorità di pubblica sicurezza.

Articolo 75 - Decadenza dai benefici
Fermo restando quanto previsto dall'articolo 76, qualora dal controllo di cui all'articolo 71 emerga la non veridicità del contenuto della dichiarazione, il dichiarante decade dai benefici eventualmente conseguenti al provvedimento emanato sulla base della dichiarazione non veritiera.

Articolo 76 - Norme penali
1. Chiunque rilascia dichiarazioni mendaci, forma atti falsi o ne fa uso nei casi previsti dal presente testo unico è punito ai sensi del codice penale e delle leggi speciali in materia.
2. L'esibizione di un atto contenente dati non più rispondenti a verità equivale ad uso di atto falso.
3. Le dichiarazioni sostitutive rese ai sensi degli articoli 46 e 47 e le dichiarazioni rese per conto delle persone indicate nell'articolo 4, comma 2, sono considerate come fatte a pubblico ufficiale.
4. Se i reati indicati nei commi 1, 2 e 3 sono commessi per ottenere la nomina ad un pubblico ufficio o l'autorizzazione all'esercizio di una professione o arte, il giudice, nei casi più gravi, può applicare l'interdizione temporanea dai pubblici uffici o dalla professione e arte.

 NEL SEGUITO SONO RIPORTATI L'INDIRIZZO DELLA PAGINA WEB "SERVIZI DEMOGRAFICI" DEL MINISTERO DELL'INTERNO (dal quale scaricare la modulistica) E GLI INDIRIZZI AI QUALI INOLTRARE LE DICHIARAZIONI.

Sezione Servizi Demografici sito web del ministero degli interni: http://www.servizidemografici.interno.it/sitoCNSD/documentazioneRicerca.do?metodo=dettaglioDocumento&servizio=documentazione&ID_DOCUMENTO=1266&codiceFunzione=DO&codiceSettore=AN

Indirizzo postale: Ufficio Anagrafe Piazza Delle Nazioni n. 4 - 16035 Rapallo

Indirizzo di Posta elettronica: anagrafe@comune.rapallo.ge.it

Indirizzo di Posta Elettronica certificata (PEC): anagrafe@pec.comune.rapallo.ge.it

Fax: 0185 680295

COMUNICAZIONE DI PERSONA NON PIU' RESIDENTE NELL'ABITAZIONE

http://trasparenza.comune.rapallo.ge.it/index.php?id_oggetto=16&id_doc=16007&id_sez_ori=0&template_ori=1

Chi contattare

Conclusione tramite silenzio assenso: no
Conclusione tramite dichiarazione dell'interessato: no

Costi per l'utenza

n. 2 marche  da bollo da Euro 16,00 solo per i cittadini comunitari che richiedono il certificato di regolarità di  soggiorno.

Modulistica per il procedimento

Stradario Comunale certificato dall'Agenzia delle Entrate - Territorio in conformità con quanto stabilito dalla convenzione ....

Riferimenti normativi

Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 28 marzo 2014, n. 47, recante misure urgenti per l'emergenza abitativa, ....

Servizio online

Tempi previsti per attivazione servizio online: 1
Contenuto inserito il 09-01-2014 aggiornato al 26-09-2015
Facebook Twitter Google Plus Linkedin
- Inizio della pagina -
Recapiti e contatti
Piazza delle Nazioni, 4 - 16035 Rapallo (GE)
PEC protocollo@pec.comune.rapallo.ge.it
Centralino 0185 680 1
P. IVA 00 209 910 991
Linee guida di design per i servizi web della PA
Seguici su:
Il progetto Portale della trasparenza č sviluppato da ISWEB S.p.A. www.isweb.it