Portale Trasparenza Città di Rapallo - Cittadinanza italiana/ Jure Sanguinis

Il portale della Trasparenza conforme al D.Lgs. 33/2013 - "Amministrazione Trasparente"

Tipologie di procedimento

Cittadinanza italiana/ Jure Sanguinis

Responsabile di procedimento: Defilippi Antonella
Responsabile di provvedimento: Bardinu Rossella
Responsabile sostitutivo: Mario Vittorio Canessa

Uffici responsabili

Stato Civile-Leva, Statistica

Descrizione

CITTADINANZA

COSA SI INTENDE?

Con la cittadinanza italiana si acquisisce lo status di italiano per poter esercitare i diritti e i doveri che discendono dall'appartenenza allo Stato.
L'atto è redatto dall'Ufficiale di stato civile dell'Ufficio Stato Civile.
La certificazione relativa al possesso della cittadinanza italiana viene rilasciata dall'Anagrafe.
La cittadinanza può essere concessa in questi casi:

  1. legami di sangue (es. discendente italiano) presentando istanza all'Ufficio Cittadinanza del Comune di residenza 
  2. matrimonio con un cittadino italiano, trascorsi due anni dall'evento, purchè residenti in Italia (la cittadinanza non è concessa in caso di separazione o divorzio)  presentando domanda direttamente alla Prefettura
  3. continuativa residenza in Italia (es. residenza per 10 anni per cittadini extracomunitari e 4 anni per cittadini comunitari) presentando domanda direttamente alla Prefettura
  4. figli di genitori stranieri, nati in Italia e legalmente residenti dalla nascita sino al compimento della maggiore età. La domanda va presentata all'Ufficio Stato Civile del Comune di Rapallo al compimento della maggiore età entro un anno (fra i 18 e i 19 anni). La residenza è legale quando lo straniero è in possesso di regolare permesso di soggiorno ed è iscritto all'Anagrafe.

 JURE SANGUINIS

COSA SI INTENDE?

E' una procedura di riconoscimento della cittadinanza italiana che riguarda tutti quei soggetti stranieri discendenti di un cittadino italiano, nati in uno stato che li ritiene propri cittadini, per il solo fatto di essere nati nel proprio territorio. La procedura è così volta ad accertare se in capo al medesimo soggetto si possa rinvenire la doppia cittadinanza italiana, in quanto discendenti di cittadino italiano. L'ordinamento italiano, infatti, applica, prevalentemente, un criterio attributivo della cittadinanza ( cd. Iure sanguinis), in base al quale è cittadino italiano il figlio di genitori italiani. E' questo un automatismo che si verifica al momento della formazione dell'atto di nascita: è italiano iure sanguinis il figlio, se il padre o la madre o entrambi risultano essere cittadini italiani, ovunque sia avvenuta la nascita.
 

QUALE DOCUMENTAZIONE BISOGNA PRODURRE?

Requisiti
Ai fini del riconoscimento della cittadinanza italiana iure sanguinis è necessario che i discendenti dell'avo italiano, compreso il richiedente, non abbiano mai perso la cittadinanza italiana. Il possesso della cittadinanza italiana va dimostrato tramite:
- estratto dell'atto di nascita dell'avo italiano emigrato all'estero rilasciato dal Comune italiano di nascita
- atti di nascita tradotti e legalizzati, di tutti i suoi discendenti in linea retta, compreso quello del richiedente
- atto di matrimonio dell'avo italiano emigrato all'estero, tradotto e legalizzato se formato all'estero;
- atti di matrimonio dei suoi discendenti, in linea retta, compreso quello dei genitori del richiedente
- certificato rilasciato dalle competenti autorità dello Stato estero di emigrazione, attestante che l'avo italiano non acquistò la cittadinanza dello stato estero di emigrazione anteriormente alla nascita dell'ascendente interessato.

Tutti gli atti devono essere tradotti e legalizzati.

QUALE E' LA PROCEDURA?

PRIMA FASE (PREISTRUTTORIA)
L'interessato deve fare istanza in bollo di riconoscimento della cittadinanza italiana  all'Ufficiale dello Stato Civile del Comune di Rapallo utilizzando l'apposito modulo ed allegando tutta la documentazione necesaria.L’Ufficiale di Stato Civile verifica l’idoneità dei documenti a corredo dell’istanza iure sanguinis  affinchè l’interessato possa essere legittimato a richiedere  l’iscrizione anagrafica.

SECONDA FASE ISCRIZIONE ANAGRAFICA E NON RINUNCIA
Dopo l’esito favorevole di cui sopra l’interessato potrà richiedere l’iscrizione anagrafica presso gli sportelli deil' Ufficio Anagrafe. Ad iscrizione anagrafica formalizzata, l' Ufficiale dello stato Civile procederà alla richiesta alle Autorità diplomatiche territorialmente competenti della "non rinuncia" cioè della dichiarazione attestante che nè il richiedente nè gli ascendenti hanno mai rinunciato alla cittadinanza italiana.

CHIUSURA DEL PROCEDIMENTO:
Terminata, con esito positivo, la seconda fase il funzionario incaricato dal Sindaco, chiuderà il procedimento attestando il possesso della cittadinanza italiana e predisporrà la trascrizione degli atti di stato civile riguardanti la persona alla quale è stata riconosciuta la cittadinanza italiana.

PRECISAZIONI

  Il comune in cui l’avo capostipite è nato, deve essere stato annesso al Regno d’Italia almeno entro la data della morte dell’avo stesso .

 La donna trasmette la cittadinanza solo dal 01.01.1948 e, in base alla normativa italiana, le dichiarazioni di nascita di nati fuori dal matrimonio devono essere firmate dal genitore che trasmette la linea di sangue italiano.

 

Chi contattare

Personale da contattare: Defilippi Antonella
Conclusione tramite silenzio assenso: no
Conclusione tramite dichiarazione dell'interessato: no

Modulistica per il procedimento

Riferimenti normativi


 

LEGGE 13.06.1912 N. 555

 

LEGGE 5.2.1992 n. 91"Nuove norme sulla cittadinanza", art. 5 e seguenti, come modificati dalla L.94/2009

D.P.R. 12.10.1993 n. 572

"Regolamento di esecuzione della legge 5 febbraio 1992, n. 91, recante nuove norme sulla cittadinanza", art.1 co. 2 let. a)

Servizio online

Tempi previsti per attivazione servizio online: NON PREVISTO
Contenuto inserito il 09-01-2014 aggiornato al 16-08-2020
Facebook Twitter Google Plus Linkedin
- Inizio della pagina -
Recapiti e contatti
Piazza delle Nazioni, 4 - 16035 Rapallo (GE)
PEC protocollo@pec.comune.rapallo.ge.it
Centralino 0185 680 1
P. IVA 00 209 910 991
Linee guida di design per i servizi web della PA
Seguici su:
Il progetto Portale della trasparenza è sviluppato da ISWEB S.p.A. www.isweb.it