Tipologie di procedimento

DAT - Dichiarazione anticipata di Testamento

Responsabile di procedimento: DEFILIPPI Antonella
Responsabile di provvedimento: Bardinu Rossella

Uffici responsabili

Stato Civile

Descrizione

DAT - DISPOSIZIONI ANTICIPATE DI TRATTAMENTO 

DI COSA SI TRATTA?

Il 31 gennaio 2018 è entrata in vigore la legge 22 dicembre 2017, n. 219 “Norme in materia di consenso informato e di disposizioni anticipate di trattamento”, che nel rispetto dei principi di cui agli artt. 2, 13 e 32 della Costituzione e degli articoli 1, 2 e 3 della Carta dei Diritti fondamentali dell’Unione Europea, mira a tutelare il diritto alla vita, alla salute, alla dignità e all’autodeterminazione della persona, stabilendo il principio per cui, salvo i casi espressamente previsti dalla legge, “nessun trattamento sanitario può essere iniziato o proseguito se privo del consenso libero e informato della persona interessata”.In tale contesto, l’art. 4, stabilisce che ogni persona maggiorenne e capace di intendere e di volere, in previsione di una eventuale futura incapacità di autodeterminarsi e, dopo aver acquisito adeguate informazioni mediche sulle conseguenze delle proprie scelte, può, attraverso le DAT (Disposizioni Anticipate di Trattamento), esprimere le proprie volontà in materia di trattamenti sanitari, nonché il consenso o il rifiuto rispetto ad accertamenti diagnostici o scelte terapeutiche e a singoli trattamenti sanitari, indicando altresì un fiduciario, che ne faccia le veci e la rappresenti nelle relazioni con il medico e con le strutture sanitarie.

CHI PUO’ FARE LA DAT?

Le DAT possono essere rese solo da persone maggiorenni e capaci di intendere e di volere.

COME SI ESPRIMONO LE DAT?

 Le DAT devono essere redatte per atto pubblico o per scrittura privata autenticata ovvero per scrittura privata consegnata personalmente dal disponente presso l’Ufficio di Stato Civile del proprio Comune di residenza.

Le DAT sono redatte dalla persona interessata, in carta libera, sottoscritte con firma autografa e devono essere consegnate , in busta aperta, all’Ufficiale dello Stato Civile (che non deve partecipare alla redazione della scrittura, né è tenuto a dare informazioni sul contenuto della medesima: ha il solo compito di riceverle, di registrarle e di conservarle, previo accertamento dell’identità e della residenza di chi consegna il documento).

E più precisamente:

• La consegna deve obbligatoriamente avvenire personalmente da parte della persona interessata (non  può essere fatta da un incaricato).
• Il disponente deve essere residente nel Comune di Rapallo.
• Le DAT devono essere registrate e conservate dall’Ufficio dello Stato Civile che provvede altresì, previo assenso del disponente, alla trasmissione alla Banca Dati Nazionale istituita presso il Ministero della Salute.
• All’atto della consegna, l’Ufficiale dello Stato Civile fornisce al disponente formale ricevuta, con l’indicazione dei dati anagrafici dello stesso, data, firma e timbro dell’ufficio, oltre a copia conforme delle DAT ricevute.  Le DAT possono essere revocate o modificate secondo le stesse modalità con cui sono state rilasciate. Sono valide anche le dichiarazioni e i testamenti fatti prima dell’approvazione della legge.

CHI E' IL FIDUCIARIO?

La legge auspica (ma non obbliga) che ogni persona, nel momento in cui sottoscrivere il proprio testamento biologico, indichi un fiduciario, che si assuma la responsabilità di interpretare le volontà contenute nella disposizione anticipata, anche alla luce dei cambiamenti e delle nuove prospettive offerte dalla medicina. L'accettazione della nomina da parte del fiduciario avviene attraverso la sottoscrizione di apposito modulo fornito dall'Ufficio ricevente. Il fiduciario deve essere una persona maggiorenne e capace di intendere e di volere. L'incarico del fiduciario può essere revocato dal disponente in qualsiasi momento.  Nel caso in cui le DAT non contengano l'indicazione del fiduciario o questi vi abbia rinunciato o sia deceduto o sia divenuto incapace, le DAT mantengono efficacia in merito alle volontà del disponente.

Dichiarante e fiduciario dovranno avere con sé il proprio documento di identità in originale nonché il codice fiscale

 

 

Chi contattare

Personale da contattare: DEFILIPPI Antonella

Altre strutture che si occupano del procedimento

Conclusione tramite silenzio assenso: no
Conclusione tramite dichiarazione dell'interessato: si

Servizio online

Tempi previsti per attivazione servizio online: 0
Facebook Twitter Linkedin
Recapiti e contatti
Piazza delle Nazioni, 4 - 16035 Rapallo (GE)
PEC protocollo@pec.comune.rapallo.ge.it
Centralino 0185 680 1
P. IVA 00 209 910 991
Linee guida di design per i servizi web della PA